IPPODROMO DI MODENA "GHIRLANDINA"

A sud della citt si trova l'area che ospita l'ippodromo del trotto, con due accessi, uno per il pubblico in Via Argiolas e l'altro per le scuderie in Via Ragazzi del '99. La superficie di 337.000 mq cos ripartita: 80.000 mq sono riservati al pubblico, 120.000 alle piste da corsa e da allenamento, 60.000 alle scuderie, 15.000 ai paddock e 62.000 mq ad altre destinazioni.
La pista lunga 1.000,50 metri ad un metro dalla corda interna, ha una larghezza massima in dirittura di 25 metri e una minima in curva di 20 metri. Il fondo pista composto, per i primi 8 metri, di calbana, e nella parte alta, di tufo del Lazio. Il manto sabbioso ha uno spessore di 2 centimetri. Per un completo ricambio della sabbia, occorrono 400 mc di materiale. La dirittura presenta una pendenza dei 4% ; le curve, una pendenza massima dei 10%. La pista dotata di corsia di emergenza all'interno della corda ed delimitata da paletti in pvc ogni 10 metri in dirittura ed ogni 5 metri nelle curve.
La pista di allenamento, lunga 950 metri ad un metro dalla corda interna, si trova nella stessa area occupata dalla pista da corsa. Un tondino nella zona scuderia consente il passeggio dei cavalli. L'innaffiamento delle piste assicurato da 2 autobotti.
Il settore scuderie (287 boxes) comprende : 18 sellerie, 34 magazzini, 3 mascalcie, 10 letamaie, 2 giostre per cavalli, spogliatoi con docce e servizi per i guidatori, ristorante, bar, scuderie e due segreterie.
All'interno dell'area dell'ippodromo in funzione una efficiente clinica veterinaria, specializzata soprattutto nel settore degli equini.
Il pubblico dispone di due tribune, una suddivisa in 6 settori con 9 corsie di smistamento, per un totale di 2.392 posti a sedere e 400 posti in piedi sull'ultimo gradone, e l'altra, scoperta, realizzata in tubolari metallici, che pu ospitare fino a 600 persone. Nella zona pubblico presente anche un ristorante.
L'ippodromo dotato di due autostarts (una Cadillac ed un Cherokee), tre trattori, uno spazzaneve e nastri elettronici. E' poi in funzione un modernissimo fotofinish Omega Scannovision, che permette di individuare il cavallo vincente anche negli arrivi pi ravvicinati.
Nell'ippodromo in funzione un nuovo impianto di illuminazione, realizzato nel 1988, che dispone di 38 pali aventi un'altezza media di 13 metri, 241 proiettori da 2000 w per un totale di assorbimento di 480 kw, di cui circa 364 forniti da un gruppo elettrogeno ed i restanti kw dall'ENEL. La disposizione dei fari permette un illuminamento al suolo di 1000 lux medi nelle traiettorie di corsa, ottimali per una perfetta ripresa televisiva notturna.
Tutte le scommesse al totalizzatore sono gestite elettronicamente sia per l'accettazione che per il pagamento; quote eventuali per il vincente e l'accoppiata ed informazioni sulle altre scommesse sono fornite al pubblico in continuo aggiornamento mediante un apposito sistema televisivo. Il sistema di raccolta delle scommesse completato dagli allibratori e da un'agenzia ippica.